Italian - ItalyEnglish (United Kingdom)Español(Spanish Formal International)
             | 
  • perchè è gratuito
  • perchè puoi partecipare al forum
  • perchè puoi interagire con i tuoi commenti
  • per essere costantemente aggiornato
  • per conoscere e comunicare con gli altri utenti

Mostra articoli per tag: bigfoot

Il Professor Jeff Meldrum della Idaho State University, esperto negli adattamenti della locomozione umana e famoso per le sue ricerche sul bigfoot, ha recentemente varato un interessante progetto editoriale che prende il nome di The Relict Hominoid Inquiry:

Da anni ritengo che il più grande (e purtroppo insormontabile) ostacolo all'accettazione della criptozoologia come scienza ufficiale sia la grande incompetenza della maggior parte dei criptozoologi (o meglio, dei criptozoologi autodichiaratisi tali).

Autore: Jeff Meldrum.

Lingua: Inglese.

Pagine: 300.

Editore: Tom Doherty Associates.

Anno: 2006.

Questo libro, che vanta una prefazione del leggendario George Schaller, è stato scritto da Jeff Meldrum, zoologo esperto nella locomozione dei primati dell'Idaho State University. Nelle intenzioni dell'autore dovrebbe essere la sintesi di tutte le prove scientifiche sulla reale esistenze del mitico sasquatch, ma nonostante le sue convinzioni personali queste ultime restano molto labili.

TEXAS - L'Investigatore Jimmy Chilcutt del Dipartimento di Polizia di Conroe, specializzato nell'esame delle impronte digitali, ha esaminato gli oltre 150 calchi di impronte di presunti bigfoot che il Professore di anatomia dell'Idaho State University, Jeffrey Meldrum, ha collezionato nel corso degli anni.

Chilcutt ha dichiarato che un'impronta in particolare, rinvenuta presso Walla Walla nello stato di Washington, lo ha convinto dell'esistenza del bigfoot.

Il disegno delle linee dermiche è completamente differente da qualunque cosa che conosco. Certamente non sono umane o di un altro primate conosciuto che abbia mai esaminato sino ad ora.Le linee dermiche del piede fluiscono longitudinalmente, diversamente dagli esseri umani, nei quali sono disposte trasversalmente. La loro struttura è inoltre due volte più spessa di quella degli esseri umani, questo indica un animale reale che possiede una pelle molto robusta

Tra le creature più improbabili dell'intero panorama criptozoologico, assieme a mostri lacustri e dinosauri sopravvissuti, figura certamente il leggendario bigfoot del Nord America. Questo presunto, grande ominide bipede, sulla cui esistenza, come per quella di numerosi altri criptidi, non esiste nessuna prova incontrovertibile, secondo i suoi sostenitori sarebbe stato filmato da Roger Patterson il 20 ottobre del 1967, presso le sponde del Bluff Creek, in California del nord. Chiaramente, come da copione, la nutrita schiera degli scettici ritiene che la creatura ripresa nel filmato sia semplicemente il risultato di qualche trucco, a seconda dei casi, più o meno elaborato.