Italian - ItalyEnglish (United Kingdom)Español(Spanish Formal International)
             | 
  • perchè è gratuito
  • perchè puoi partecipare al forum
  • perchè puoi interagire con i tuoi commenti
  • per essere costantemente aggiornato
  • per conoscere e comunicare con gli altri utenti

Criptidi Terrestri

Nel corso delle ultime tre decadi, l'Asia, ed in particolar modo l'Indocina, ha riservato al mondo una lunga serie di scoperte zoologiche. Tra queste le più spettacolari sono senza dubbio quelle di ungulati, noti da sempre alle popolazioni locali, che spesso li cacciano per procurarsi cibo, ma solo di recente portate all'attenzione della zoologia.

Tzuchinoko ("figlio del martello") è il più comune fra gli oltre 40 nomi con i quali in giappone viene indicato un leggendario serpente di piccola taglia che abiterebbe prevalentemente le regioni di montagna delle isole di Honshu, Kyushu e Shikoku. Descritto per la prima volta nel XXIII in alcuni racconti spirituali buddisti, il misterioso animale è stato in epoca moderna l'oggetto di due articoli di Soseki Yamamoto (1973, 1985), che ne stilò una lunga serie di presunti avvistamenti da parte della popolazione locale.

I primi racconti e descrizioni riguardanti il Kooloo-kamba, misterioso primate africano diverso sia dal gorilla che dallo scimpanzè, giunsero in Europa in un'epoca nella quale la primatologia era agli albori e le scimmie antropomorfe africane (soprattutto il gorilla) erano ancora circondate da un alone quasi leggendario.

Articolo realizzato grazie a Simone Gregorio

Nei mesi di luglio e agosto del 1995 il biologo David Burney e l'archeologo Ramilisonina condussero (a complemento di una ricerca paleontologica e archeologica), un'indagine etnografica presso alcuni piccoli villaggi della costa sudoccidentale del Madagascar (Belo-sur-mer, Antsira e Ambararata), raccogliendo dagli abitanti più anziani interessanti informazioni su due animali apparentemente sconosciuti: il kilopilopitsofy e il kidoky.