Italian - ItalyEnglish (United Kingdom)Español(Spanish Formal International)
             | 
  • perchè è gratuito
  • perchè puoi partecipare al forum
  • perchè puoi interagire con i tuoi commenti
  • per essere costantemente aggiornato
  • per conoscere e comunicare con gli altri utenti

 
Criptidi Terrestri

Ecco la seconda parte della checklist di presunti mammiferi sconosciuti peruviani stilata dallo zoologo Peter J. Hocking. Chi dovesse imbattersi in questo articolo per la prima volta può trovare la prima parte qui per capire di cosa si tratta e conoscere la figura di Hocking. 

I lettori hanno già avuto modo di conoscere lo zoologo Peter J. Hocking e la sua passione per la criptozoologia in un articolo dedicato alle sue segnalazioni di felini apparentemente insoliti in Perù (qui), ma le sue ricerche sulle tracce di specie potenzialmente ancora sconosciute alla scienza coprono uno spettro molto più ampio della biodiversità terrestre.

Nel corso delle ultime tre decadi, l'Asia, ed in particolar modo l'Indocina, ha riservato al mondo una lunga serie di scoperte zoologiche. Tra queste le più spettacolari sono senza dubbio quelle di ungulati, noti da sempre alle popolazioni locali, che spesso li cacciano per procurarsi cibo, ma solo di recente portate all'attenzione della zoologia.

Tzuchinoko ("figlio del martello") è il più comune fra gli oltre 40 nomi con i quali in giappone viene indicato un leggendario serpente di piccola taglia che abiterebbe prevalentemente le regioni di montagna delle isole di Honshu, Kyushu e Shikoku. Descritto per la prima volta nel XXIII in alcuni racconti spirituali buddisti, il misterioso animale è stato in epoca moderna l'oggetto di due articoli di Soseki Yamamoto (1973, 1985), che ne stilò una lunga serie di presunti avvistamenti da parte della popolazione locale.