Italian - ItalyEnglish (United Kingdom)Español(Spanish Formal International)
             | 
  • perchè è gratuito
  • perchè puoi partecipare al forum
  • perchè puoi interagire con i tuoi commenti
  • per essere costantemente aggiornato
  • per conoscere e comunicare con gli altri utenti

 
Il primo sito italiano sulla Criptozoologia
Il rapporto tra paleontologia e folklore è un campo molto affascinante portato alla ribalta dall'autrice Adrienne Mayor nella sua opera The First Fossil Hunters: Paleontology in Greek and Roman Times, all'interno della quale si prende in esame la possibilità che il ritrovamento di fossili nell'antichità, possa essere stato la causa della nascita dei miti dell'epoca classica riguardanti creature mostruose.
Noi non ne conosciamo le profondità, né le moltitudini di creature che vi dimorano. Mostri. Sono realtà?
Testo di Francesco Tiralongo Sono oramai passati 30 anni circa da quando lo zoologo tedesco François De Sarre descrisse nel Mare Adriatico, in Croazia, la specie Lipophrys heuvelmansi, appartenente alla famiglia Blenniidae. De Sarre, che oltre a essere uno zoologo specializzato in ittiologia, estendeva i suoi studi fino alla criptozoologia, volle dedicare la sua scoperta a Bernard Heuvelmans, zoologo belga ritenuto il fondatore di quest'ultima disciplina.
Traduzione in italiano del capitolo 26 "A Review of Cryptozoology: Towards a Scientific Approach to the Study of "Hidden Animals", dal libro "Problematic Wildlife"   Introduzione Criptozoologia è un termine che indica una branca della zoologia generalmente considerata una pseudoscienza (Simpson 1984; Prothero 2007; Dubois and Nemésio 2007; Loxton and Prothero 2013) dedita allo studio di specie animali la cui esistenza non è supportata da evidenze empiriche, ma ipotizzata attraverso informazioni indirette ed incerte come tradizioni orali, testimonianze oculari o evidenze fisiche inconclusive.
Pagina 1 di 12