Flash News

Tu sei qui

Da coandu-mirim a Coendou speratus

Notizie

Da coandu-mirim a Coendou speratus

un successo dell'etnozoologia
Ritratto di lorenzorossi di Lorenzo Rossi - Ven, 12/04/2013 - 09:30Qui si parla di

Una recente e importante scoperta zoologica avvenuta nell'area conosciuta come Pernambuco Endemism Centre, facente parte delle riserve della Foresta Atlantica Brasiliana, dimostra per l'ennisima volta l'estrema importanza che una capillare ricerca etnozoologica, unita al lavoro dei biologi da campo, può rivestire nella salvaguardia di specie molto rare in via d'estinzione non ancora conosciute dalla scienza.

Antonio Rossano Mendes Pontes, ha infatti da poco pubblicato sulla rivista Zootaxa, la descrizione di una nuova specie di porcospino arboricolo, che sebbene totalmente sconosciuto all'interno della letteratura scientifica, era ben conosciuto dai locali con il nome di coandu-mirim. I porcospini del Nuovo Mondo appartengono alla famiglia degli Erethizontidae e sono rappresentati da specie di piccole e medie dimensioni che si cibano di semi immaturi, frutta e foglie. L'areale di distribuzione della nuova specie, battezzata Coendou speratus, si sovrappone con quello di una specie già precedentemente nota, il C. prehensilis, dalla quale si distingue sia morfologicamente che etologicamente. Infatti al contrario di quest'ultima, che vive ad un livello alto della copertura forestale, il C. speratus vive ad un'altezza media. Di abitudini prettamente notturne, è caratterizzato da aculei che possiedono una punta dalla peculiare colorazione bruno rossiccia ed ha una taglia più piccola rispetto al C. prehensilis.

Sebbene proveniente da una regione famosa per i suoi endemismi, tanto da essere considerata come un vero e proprio "hotspot di un hotspot", per via della devastazione degli habitat questo animale è già ad alto rischio di estinzione, tanto che il suo nome, speratus, gli è stato dato proprio perché "dobbiamo sperare per il suo futuro". Le parole di Mendes Pontes, intervistato in merito a questa scoperta, fanno emergere in pieno quanto le conoscenze dei nativi possano rivelarsi di fondamentale importanza per quanto riguarda la conoscenza delle biodiversità:

Abbiamo iniziato controllando tutta la letteratura che descrive la fauna della regione iniziando dai primi colonizzatori di cinque secoli fa, scoprendo che molti degli animali che avevano descritto si sono già estinti. Una delle cose più incredibili [...] è che questa specie di porcospino non è menzionata per nulla in letteratura ed è rimasta sconosciuta alla scienza sino ad oggi. Considerando il tasso di distruzione dell'area, nella quale il 98% della foresta originale è già stato distrutto, immaginate quante specie possono estinguersi ancora prima che possiamo conoscerle
Mendes Pontes, 2013

Consigliati